Meglio il box o il recinto per i nostri bambini?

Intorno ai 5 mesi di vita, i nostri piccoli iniziano ad osservare per bene il mondo che li circonda e provano a sforzare tutti i loro “muscoletti” per gattonare o stare seduti. E’ allora che possiamo pensare di acquistare e montare in casa un box. Uno spazio importante per la crescita del bambino: i nostri figli impareranno a giocare e a divertirsi con sonagli, musichette e colori. Inoltre con il passare del tempo, grazie alle maniglie presenti nel box, faranno le prime prove per sollevarsi.

Il box rappresenta un luogo sicuro e protetto dove i genitori possono lasciare soli i propri figlioli e dedicarsi intanto alla preparazione di pappine o ad una chiacchierata con i familiari. Non va inteso come un parcheggio per bimbi, questo è sottinteso. Il box deve essere visto come un’area giochi, uno spazio in cui il piccolo possa sviluppare le proprie attività creative.

Il box per bambini

E’ nel box che il bambino inizia a cercare di sedersi e con il passare dei mesi riesce a conquistare anche la posizione eretta. Questo articolo per l’infanzia è caratterizzato, infatti, da una base morbida e imbottita dove il piccolo può rotolarsi. Attraverso le maniglie, posizionate agli angoli del box, il bimbo imparerà ad osservare quanto accade in casa, nonché a giocare in totale sicurezza per la presenza della rete di recinzione. Nei box i piccoli sono al sicuro anche in caso di possibili cadute.

Pulire un box è un’operazione semplice e veloce; bastano pochi minuti per igienizzare l’area giochi di tuo figlio. Molte volte la base è sfoderabile e si può lavare anche in lavatrice. I prezzi dei box cambiano a seconda dei modelli e del marchio: si parte anche da 50 euro per arrivare intorno ai 200 euro. Puoi approfondire l’argomento su miglior box bambini.

Il recinto per bambini

Il recinto per bambini rappresenta una buona alternativa al box. Si tratta di una struttura in plastica che ha come principale vantaggio la versatilità. Può essere allargata o rimpicciolita a seconda delle esigenze. I recinti possono essere rettangolari, quadrati; insomma la forma dipende dallo spazio che si ha a disposizione in casa.

A differenza del box nei recinti non è però presente una base. Se il bambino, quindi, ancora non ha imparato a stare in piedi, sarebbe preferibile comprare un tappetino imbottito e posizionarlo come fondo.

La scelta

La scelta tra box e recinto va fatta in base alle esigenze dei genitori del bambino. Al di là del budget che si ha a disposizione, si considera molto la questione dello spazio in casa. Il box, talvolta, è il rimedio migliore per chi non ha una casa molto grande; chi invece ha maggiore superficie da poter occupare, opta per un recinto.

Nel box la base sarà sempre morbida; nel recinto – ricordatevi – di comprare un fondo protettivo per il vostro piccolo. Insomma box o recinto? L’importante è che il vostro piccolo abbia uno spazio tutto suo in casa.

 

 

 

admin