Come riparare una macchina da cucire

Come possiamo agire quando la macchina da cucire subisce un guasto?In questo articolo sono riportati alcuni consigli utili, così da evitare di sostituire il macchinario, con una spesa tra l’altro assai onerosa.

Macchina da cucire: ripararla senza troppe spese

Il metodo più semplice per riparare le nostre macchine da cucire è naturalmente quello di ricorrere ad un tecnico specializzato.
In alternativa possiamo rivolgerci al rivenditore o al più vicino negozio autorizzato dal marchio da noi scelto.
Ma prima di scomodare un tecnico qualificato e sostenere dunque dei costi, ci sono alcuni guasti che possiamo aggiustare autonomamente.
Bastano un po’ di manualità e dimestichezza: con l’aiuto degli attrezzi possiamo montare un ricambio o un ago senza dover scomodare un tecnico.

N.B. In via preventiva è importante, guasto o meno, eseguire un’accurata pulizia del nostro macchinario, così da ridurre il rischio di rotture o danni.
Questa cura periodica ci permetterà, infatti, di far durare più a lungo le nostre macchine da cucire, evitando imprevisti dovuti ad una mancata o approssimativa manutenzione.

Come riparare da soli una macchina da cucire

Per riparare in autonomia la nostra macchina da cucire è necessario dotarsi di alcuni strumenti. Manuale tecnico alla mano, verifichiamo dunque di avere a nostra disposizione questi utensili:

  1. cacciavite di piccole dimensioni,
  2. pinzette generiche,
  3. bomboletta di aria compressa.
  4. carta vetrata (meglio se a trama sottile).

La maggior parte dei problemi delle macchine da cucire sono risolvibili semplicemente pulendo ed oliando le singole parti.Dunque procuriamoci anche:

  1. olio lubrificante (specifico per le macchine da cucito),
  2. un flacone di sapone neutro (no ai prodotti aggressivi)
  3. panno (meglio se in stoffa).

Dunque procediamo alla riparazione.
Innanzitutto scolleghiamo la macchina dalla corrente e rimuoviamo il motorino.
Utilizziamo la manopola per sollevare ed abbassare l’ago; infiliamo una bobina e proviamo ad azionarla. Con l’aiuto delle pinzette rimuoviamo i fili dispersi nella macchina; nel caso non si riescano a togliere, utilizziamo l’aria compressa, ma con la massima cautela.

I passaggi finali e la pulizia della macchina da cucire

Con l’aiuto di una pezza di stoffa imbevuta di olio lubrificante, puliamo delicatamente i meccanismi. Mentre eseguiamo questa operazione verifichiamo l’eventuale presenza di parti compromesse.
Se non individuiamo alcun danno, riassembliamo la macchina e proviamo ad avviarla: se non dovesse funzionare, rivolgiamoci all’assistenza tecnica autorizzata o ad un tecnico di fiducia.

Se tutto dovesse invece andare per il meglio, con l’aiuto della carta vetrata – a grana fine – rimuoviamo eventuali incrostazioni.
Questo trattamento dovrebbe essere effettuato con regolarità su tutte le macchine da cucire, anche se perfettamente funzionanti, specie se ne facciamo un uso frequente o professionale.

admin